Parla papà

SCUOLA ITALIANA MADRID: IL CORVO GETTA LA MASCHERA

È da poco tornata a casa mia moglie Janet, la mamma di Giuliano, in lacrime. Era andata a parlare con la preside della Scuola Italiana Statale di Madrid Lucia Dalla Monta e quest’ultima non ha perso l’occasione per apostrofarla in malo modo facendo riferimento al contenuto di questo blog.
Ora il corvo ha gettato la maschera, e mancandogli forza e soprattutto argomenti per far pressioni sul sottoscritto manovra contro la mia famiglia.
Sappia, distinta signora, che queste bassezze non solo non ci scalfiscono, ma anzi ci danno maggiore determinazione nella nostra missione di mettere a tacere gli insulti e la minaccie "anonime" e di denunciare gli abusi e i soprusi.
.
Cara signora, mi permetta di informarla che:
.
Gli IP di provenienza degli insulti e delle minaccie "anonime" sono stati correttamente identificati e documentati, e la coinvolgono direttamente.
.
Ogni eventuale atto ostile nei miei confronti o di qualche mio familiare non verrà tollerato ulteriormente, e darà il via alla dovuta denuncia in sede penale.
.
L’avvocato del Collegio di Madrid, dott. Carlos Sánchez, possiede l’incartamento completo originale già firmato dal sottoscritto pronto per essere inviato ai tribunali competenti ad un ordine mio o di altra persona da me autorizzata.
.
Con questo, conto di mettere una pietra sopra alla questione, anche perché in caso contrario non avrete nulla da guadagnarci.

.
Roberto Volpi
Madrid
Precedente Elezioni politiche 9 marzo Spagna Successivo Non solo Napoli

25 commenti su “Parla papà

  1. che vergogna (cancellate questo commento se è inopportuno. vi mando tutta la mia solidarietà)

  2. Shoruel il said:

    certe cose non sono tollerabili e mi offendono in quanto docente

    chiedo scusa a nome della categoria, per quel che può valere

  3. MIRABILIA200 il said:

    Prometto di non tornare ad avvivare questa polemica, anche perché se necessario mi rivolgerò alle sedi competenti.

    Roberto Volpi

  4. iNessuno il said:

    Tutto il mondo è Paese. C’è chi usa mezzi ancora più subdoli per esercitare pressioni, credimi!!

    ciao

    angela

  5. diogneto il said:

    tutto il mondo è paese! cosa fare? lasciarli perdere… comunque solidarietà ad un blog ben fatto con amore!

    a presto ale conti

    diogneto

  6. Bandits il said:

    Mi associo alla solidarietà! Mi fa piacere che altri blogger miei concittadini sono a manifestarti la solidarietà!

  7. LaVostraProf il said:

    Ma… Ho cpaito bene? La cicciona era.. è la Preside della scuola italiana di Madrid?

    Non ho parole O__O

    E Giuliano va a scuola lì?

    Ma roba da matti!

    Tutta la mia solidarietà e appoggio e vergogna a causa della signora Dalla M.

  8. MIRABILIA200 il said:

    Grazie a tutti. sono veramente commosso.

    Spero veramente che il caso del corvo sia chiuso qui.

    Questo comunque non vuol dire che non tornerò a parlare di scuola.

  9. anonimo il said:

    non sapevo di questo… non mollare vai per la tua strada che non fai male a nessuno….ciao

  10. dubbiocosmico il said:

    Una situazione davvero spiacevole. Penso che a questo punto, per tutelare la serenità del bambino, bisognerebbe fargli cambiare scuola. Pur sembrandomi più maturo della sua età, risente sicuramente di questi conflitti che si sono venuti a creare.

    Un abbraccio a Giuliano 🙂

  11. MIRABILIA200 il said:

    Cambiare scuola?

    Neanche per sogno!

    Chi si deve vergognare e cambiare paese sono altri.

    Questi figuri sono dei codardi che hanno il terrore di essere vigilati dal Ministero degli Esteri, Consolato, o altri, perché scoprirebbero orribili magagne.

    Già quest’estate scoppiò uno scandalo, che arrivò anche a informare il Parlamento a Roma, per 4 bambini che non furono passati dalla materna alle elementari, e dovettero rimangiarsi la decisione.

    Sanno inoltre che, se la cosa arrivasse ai Tribunali, per loro la pacchia sarebbe finita, perché sono nella stessa situazione del Mastella di qualche tempo fa.

    Grazie per l’appoggio e la solidarietà.

    Roberto Volpi

  12. EmmeIan il said:

    Solidarietà anche da parte mia, anche se probabilmente ve l’ho già detto.

    Le insegnanti dovrebbero ricordare che i bambini sono soltanto bambini e che un adulto che si mette in competizione con un bambino fa somma tristezza.

  13. anonimo il said:

    Anche se con qualche anno…di ritardo, voglio aggiungermi alla solidarietà verso lei e la sua famiglia. Purtroppo anch'io ho avuto a che fare con questa losca signora, che addirittura si nascondeva dietro un foulard quando mi incontrava dicendo di essere allergica ai profumi…incredibile perché l'unica cosa che uso è un dopobarba…forse la signora preside preferisce chi puzza! Che dire, un essere davvero squallido, un'ipocrita che oltretutto viaggia per la vita con la fede cristiana davanti e il demonio nel cuore. Ora è felicemente a Washington a far danno da un'altra parte ma col suo bel tornaconto economico, meandri e misteri dell'italietta in cui viviamo.
    Un caro saluto
    Jurgen

  14. MIRABILIA200 il said:

    Mi fa un certo effetto vedere ancora segnali di solidarietà pwer una faccenda che, comunque, si è chiusa senza strascichi qualche tempo fa.

    @ Jurgen

    Grazie anche a te. Non sapevo che la nostra aveva ormai varcato l'Atlantico.

    Mi piacerebbe inoltre chiederti un paio di cose. La mia mail attuale è robertofibresAThotmail.it (l'AT serve per evitare i fastidiosissimi spam).

    Roberto Volpi

  15. anonimo il said:

    Salve a tutti.
    Sono capitata in questo blog cercando notizie sulla scuola italiana di madrid dove dovrei trasferirmi a breve con la mia famiglia. Vero che i post sono un po' datati, ma certo non incoraggiano. Ora so che il preside è cambiato, credo da quest'anno. Mi chiedevo se conoscete qualcuno che stia frequentando la scuola in questo periodo e che abbia voglia di commentare. Se volete contattarmi la mail è thesemsATliberoDOTit

    Grazie, Stefania

  16. MIRABILIA200 il said:

    Nel panorama disastrato della scuola spagnola, con percentuali di fallimento ed assenteismo di molto peggiori di quelle di Napoli, la Scuola Italiana, nonostante tutto, rimane una scelta molto valida.

    La vocazione elitaria, che si concreta in rette da pagare e selezione all'entrata, la mettono al riparo da buona parte di mali della scuola come è attualmente in Italia. Non c'è infatti né bullismo né il degrado delle strutture.

    I fatti narrati destano scandalo proprio perché parliamo di una scuola d'eccllenza, che negli anni descritti aveva perso molta credibilità per colpa di dirigenti che hanno attuato in maniera discutibile, se non proprio da criminali.

  17. anonimo il said:

    Gentile Sig. Volpi,
    proprio oggi mi è stato comunicato che mia figlia è stata inserita nella sezione C, primo corso della scuola primaria.
    Chew lei sappia c'è ancora la famosa "insegnante"  che non sa nemmeno scrivere correttamente il nome di suo figlio? Devo chiedere una sostituzione? La ringrazio per la cortesia e l'attenzione.
    mumonboardATlibero.it

  18. MIRABILIA200 il said:

    Buongiorno:

    prima di tutto complimenti per la scelta.

    Riguardo la famigerata insegnante, mi sento di tranquillizzarla. Infatti il periodo di insegnamento all'estero dura solo 3 anni, per cui il pericolo, se così si può dire, è passato.

I commenti sono chiusi.